Archivio dei tag raccolta differenziata

CASTROVILLARI/TARIP. LA NUOVA TARIFFA PUNTUALE DEI RIFIUTI PER INCREMENTARE E AFFERMARE RUOLO E SIGNIFICATO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA PER UNA MIGLIORE QUALITA’ AMBIENTALE

Sicuramente un percorso educativo determinante per migliorare e aumentare la raccolta differenziata dei rifiuti, il riciclo; certamente un momento di sfida sociale e culturale necessario per abituare a rivedere i piccoli gesti quotidiani, per riconsiderare anche il proprio rapporto con i beni di consumo e come sceglierli al fine, inoltre di non intasare quella catena di trasmissione che tutti i Comuni stanno cercando di perseguire, finalizzata ormai sempre più a mandare meno frazione indifferenziata in discarica. E’ questo e molto altro ancora, per una qualità ambientale a servizio della persona e dei luoghi, la nuova tariffa puntuale dei rifiuti, cosiddetta TARIP, spiegata il venerdì sera del 21 giugno nella sala delle adunanze consiliari del palazzo di città di Castrovillari, grazie all’Amministrazione comunale ed al Servizio Ambiente che, con l’intero staff, gli informatori ambientali e le associazioni che sono coinvolte, rende possibile questa capacità della città di “arrendersi” pian piano a tale esigenza civica voluta dall’Ente in maniera pionieristica e responsabile, oggi anche esempio d’intrapresa, riferimento e apripista per tanti enti. Ciò è stato riconosciuto dall’Assessore Regionale all’Ambiente, Antonella Rizzo, nel suo report sulla situazione dei rifiuti oggi in Calabria che vede la nostra Regione dedita e anche preoccupata nel declinare l’importante qualità ambientale fondamentale per cittadini, territori e comunità che sono chiamati ad occuparsi per specifici ambiti territoriali ottimali (ATO) della raccolta, differenziazione, riciclo e smaltimento dei rifiuti come delle loro risorse. Proprio questa preoccupazione è stata il filo rosso del contributo-saluto del Sindaco, Domenico Lo Polito, il quale ha ricordato che la questione rifiuti è un fatto squisitamente culturale da accompagnare nelle interlocuzioni e campagne di sensibilizzazione tra la gente per far capire l’importanza di cambiare vecchie abitudini e conoscere la portata del differenziare come valore che non può realizzarsi senza il loro indispensabile coinvolgimento. Di questo e del cammino che ha svolto la città, per migliorare ed incrementare la raccolta differenziata arrivata al 69% e che oggi viene rafforzata con la tariffa puntuale per superare gli obiettivi europei, ne ha parlato diffusamente Francesco Bianchimani del Servizio Ambiente e Ciclo dei Rifiuti dell’Ente illustrando le varie tappe, a partire dal Decreto Ronchi che fece comprendere il costo per i cittadini di produrre rifiuti a tutela del bene ambiente, e come al momento si sta muovendo il servizio che ha consegnato quasi tutti i mastelli dotati di microchip per la tracciabilità e la localizzazione da usare per il conferimento della sola frazione di rifiuto secco non riciclabile (indifferenziato). Durante il suo dire una serie d’informazioni e dati oltre l’annuncio che entro l’anno ciascuna famiglia entrerà in possesso di tutte le ulteriori attrezzature e mastelli per la raccolta delle altre frazioni a cui farà da vitale cornice di supporto la prossima apertura della seconda isola ecologica molto vicina al centro urbano. L’esperienza locale è stata arricchita e comparata pure con quella portata da Lorenza Stupino, Project manager ufficio tecnico della Società Cooperativa E.R.I.C.A. che ha illustrato il lavoro del Consorzio svolto per alcuni Comuni in provincia di Cuneo dove si sta portando avanti l’azione della tariffa puntuale; Ercole D’Ippolito, responsabile DBM International, invece, ha raccontato velocemente la gestione informatizzata della tariffa attraverso i due software messi a disposizione dalla sua Azienda per la Calabra Maceri al fine di tracciare gli sversamenti nei mastelli (i secchi color grigio in dotazione alle famiglie per l’indifferenziato), e presto quello che si potrà fare presso la nuova Isola Ecologica che sarà pienamente integrata all’interno di questo programma di rilevamento delle azioni virtuose dei cittadini di cui ha fatto cenno pure Mariateresa Celebre, responsabile comunicazione e marketing di Calabra Maceri e Servizi SpA nello spiegare la disponibilità dell’Azienda di mettersi in gioco in questa nuova avventura per la migliore qualità ambientale e investire su un percorso del tutto nuovo ed unico in regione per produrre sempre meno scarti da mandare in discarica al fine di una riduzione complessiva dei costi. Gli apporti come gli interventi dal pubblico sono stati intermezzati dagli “annodi” dell’Assessore municipale all’Ambiente, Pasquale Pace, che ha moderato la full immersion tra fattori tecnici ed elementi politici “importanti entrambi -ha tenuto a sottolineare- per rispondere in maniera adeguata alle esigenze dell’esistente ed alle sfide poste dalla modernità che ci avvolge.“ Per altro, brevemente, ha rilanciato con determinazione la qualità del tipo di “allenamento” mentale, per le nostre desuete consuetudini, che introduce la nuova tariffazione puntuale, effettiva dal primo luglio per ridurre la produzione di rifiuti indifferenziati, quindi non riciclabili che devono andare necessariamente in discarica con elevati costi di smaltimento.
Non a caso ad una più grande produzione corrisponde un maggiore contributo economico. Ecco qui la vera sfida civica e di cittadinanza attiva. A partire da questa preoccupazione sono state, prima approvate in consiglio comunale, e poi diffuse, in più modi, e tra poco anche con un video informativo/promozionale che scorrerà sui social, presentato a termine del convegno, le informazioni circa il numero di conferimenti in funzione dei differenti nuclei familiari superato i quali viene applicata una specifica tassazione incrementale al fine di motivare e stimolare i cittadini a migliorare la selezione differenziata dei loro rifiuti. Tutte le informazioni sono altresì reperibili sul sito web dell’ufficio ambiente (http://ambiente.comune.castrovillari.cs.it/) dove è possibile consultare anche un simulatore per calcolare la propria tariffa ed avere completa consapevolezza della determinazione e dell’impatto di tutti i costi del servizio.

Comune Riciclone 2018

CASTROVILLARI/COMUNE RICICLONE.
NUOVO ED IMPORTANTE RISULTATO RAGGIUNTO DAL CAPOLUOGO DEL POLLINO PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL 2017 CHE L’ATTESTA AL PRIMO POSTO IN CALABRIA TRA LE CITTA’ CON PIU’ DI 15MILA ABITANTI”

gennaio 2019, nuovo risultato della città di Castrovillari nella raccolta differenziata. Lo rende noto l’Amministrazione comunale nelle persone del Sindaco ed Assessore all’ambiente, Domenico Lo Polito e Pasquale Pace, che questa mattina hanno preso parte a Cosenza alla 2^ edizione regionale di EcoForum “L’economia Circolare dei rifiuti” della Calabria, organizzato da Legambiente, ritirando il riconoscimento, tra l’altro, per una percentuale di differenziata che ha superato il 65% come indica il dossier sui Comuni Ricicloni della Calabria redatto dall’ISPRA e riferiti all’anno 2017. Per questo il Comune di Castrovillari si è classificato in Calabria al primo tra i centri con più di 15mila abitanti. Dinanzi a lui solo quelli più piccoli. “Tutto ciò -affermano Lo Polito e Pace- a dimostrazione dell’attento operato in progress svolto dall’Amministrazione con l’Ufficio Ambiente dell’Ente, la Calabra Maceri, ditta che opera la raccolta in città, e con i diversi soggetti che l’hanno sostenuti in quest’opera multidisciplinare, culturale ed educativa di approccio allo smaltimento corretto dei rifiuti che , comunque, continua su più fronti e con un accompagnamento vigile e costante.” La manifestazione si è tenuta nella “Sala Nova” del Palazzo dell’Amministrazione provinciale di Cosenza, alla presenza del presidente Nazionale e regionale di Legambiente, Stefano Ciafani e Francesco Falcone, del presidente della Provincia, Francesco Iacucci , della responsabile nazionale dei Comuni Ricicloni, Laura Brambilla, dell’Assessore Regionale, Antonella Rizzo, e di altri rappresentanti nazionali del comparto ambiente e sostenibilità; ed è stata l’occasione per dibattere pure proposte concrete per una gestione industriale dei rifiuti nella regione oltre che per premiare comunità locali, amministratori e cittadini che, attraverso il loro impegno e capacità, hanno ottenuto i migliori risultati nella gestione della raccolta differenziata dei rifiuti e per la valorizzazione di materiali recuperati. “Il riconoscimento consegnato al nostro Comune -dichiarano soddisfatti Lo Polito e Pace- è importante perché rappresenta come l’Amministrazione si sta adoperando, e dimostra, in maniera inequivocabile, che il sistema di buone pratiche nella raccolta differenziata funziona quando tutti gli attori: organismi politici che dettano le linee di azione, Uffici Pubblici preposti al controllo, Aziende che erogano il servizio e singoli cittadini, coinvolti in questo delicato e virtuoso processo, lavorano in sinergia nel rispetto dei reciproci ruoli. L’ottimo lavoro svolto e riconosciuto si è avvalso del prezioso contributo di tutti i cittadini a cui va il ringraziamento dell’intera Amministrazione.
L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari (g.br.)

Raccolta differenziata. La risorsa degli indumenti usati

…l’Assessore all’Ambiente precisa cosa e in che modo hanno dato l’opportunità di dotare la scuola d’infanzia della città di nuovi giochi (altalena, scivoli ed altro).

“Il circolo virtuoso del riciclo degli abiti usati è anche capacità di essere a servizio dell’esistente e delle persone.” Lo afferma e rilancia l’Assessore all’ambiente del Comune di Castrovillari, Pasquale Pace, ricordando, a nome e per conto dell’Amministrazione comunale che “ i circa 10mila euro serviti all’acquisto dei giochi per le scuole dell’infanzia cittadina provengono della raccolta degli abiti usati, senza intaccare direttamente le casse municipali.” “Un esempio concreto di come- aggiunge- una corretta differenziazione di alcune materie, molto spesso ed in maniera erronea considerate rifiuti, può servire ad innescare processi virtuosi di economia circolare che nel caso specifico regalano sorrisi e momenti di spensieratezza alle nostre piccole generazioni.” “Il contributo economico per la raccolta di indumenti usati provenienti dai raccoglitori dislocati nelle diverse zone di Castrovillari diventa, dunque – afferma-, una risorsa riscontrabile nel quotidiano della nostra Comunità che potrebbe sicuramente essere amplificata attraverso la selezione spinta e successiva valorizzazione della frazione indifferenziata puntando all’estrazione di tutti i materiali recuperabili: carta, cartone, plastiche, metalli, trattamento del legno e vetro in un impianto di adeguato riciclo rispettoso dell’ambiente e dell’esistente.” “L’azienda esecutrice del Servizio di raccolta degli abiti usati- fa presente Pace- ha, a riguardo, r

accolto ben 67 tonnellate nello scorso 2017 grazie al contributo generoso ed altruistico dei tanti cittadini ed è perciò più che giusto che questi sforzi vengano ripagati attraverso una particolare cura nei confronti dei più piccoli ai quali cercheremo di lasciare un ambiente migliore e più sano.” Per queste ragioni l’Amministrazione comunale, nel ringraziare i cittadini per la collaborazione, “invita a continuare questo impegno rafforzandolo sempre più nell’interesse dell’intera comunità anche attraverso atti di controllo e denuncia di quelle frequenti situazioni di abbandono indiscriminato di rifiuti presso tali contenitori di indumenti usati che minano il decoro ed il livello di civiltà della nostra Città.”

 

Obbligo ritiro mastello

Ritiro del mastello grigio per la raccolta del secco non riciclabile

Gentilissimi cittadini, entro il 30 giugno 2018 e’ obbligatorio il ritiro del mastello grigio per la raccolta del secco non riciclabile (indifferenziato) dotato di microchip.
Il ritiro puo’ essere effettuato presso l’info point sito in Corso Garibaldi (piano terra – Palazzo Gallo) dal Lunedi’ al Venerdi’ dalle 8,30 alle 13,30.
Inoltre, saranno allestiti punti di ritiro nelle diverse zone della citta’ presidiati da ispettori ambientali.
La distribuzione per quartiere sara’ comunicata tempestivamente sia attraverso affissione pubblica che sul sito del comune.

Per il ritiro e’ necessario un documento di riconoscimento.
Per info: 3917388216 – Info Point Calabra Maceri
0981-25310 – Ufficio Ambiente

I rifiuti

Il problema dei rifiuti nel corso degli ultimi anni ha assunto grande rilevanza sia sotto l’aspetto qualitativo sia quantitativo. Su base nazionale, il D.lg. n°22/97 (il cosiddetto “Decreto Ronchi”) prima ed il nuovo decreto 152/2006 il cosiddetto “nuovo codice dell’Ambiente” hanno impresso una notevole spinta verso il sistema di differenziazione dei rifiuti, cercando di coinvolgere tutti i soggetti del sistema presenti sul territorio, ed ha altresì individuato lo smaltimento come la forma più residuale possibile. Il problema dei rifiuti viene affrontato nella sua globalità: riduzione della quantità di rifiuti alla fonte, spinta al riutilizzo, riciclaggio e al recupero energetico in modo da avviare in discarica solo quei rifiuti per i quali non è possibile altra ipotesi.
Il sistema dei rifiuti del Comune di Castrovillari risente di ciò che avviene su base Regionale, con lo “stato di emergenza e di crisi socio- economico- ambientale del settore dello smaltimento dei rifiuti solidi urbani”. Così come in tutta la Calabria, infatti, la gestione dei rifiuti del Comune di Castrovillari si svolge sostanzialmente tramite il conferimento dei rifiuti indifferenziati in discariche; molti i casi di smaltimento abusivo che necessitano di essere censiti e in maggior misura contrastati, molte le discariche esistenti sul territorio da chiudere e bonificare.

Distribuzione del nuovo mastello

Gentile concittadina/o,
l’Amministrazione Comunale è lieta di informarLa che è in corso la distribuzione del nuovo mastello di colore grigio, dotato di tecnologia per la tracciabilità, da utilizzare obbligatoriamente per il conferimento della sola frazione di rifiuto NON riciclabile, per misurarne (in maniera volumetrica) la quantità prodotta dalle singole utenze.
Sarà possibile ritirare il proprio mastello a partire dal 7 novembre presso il nuovo INFOPOINT sito al piano terra di Palazzo Gallo oppure presso gli specifici “gazebo itineranti”.
Tutte le informazioni per il corretto conferimento ed utilizzo dei nuovi strumenti messi a disposizione, nonché l’itinerario del Gazebo/sportello, saranno reperibili presso l’Ufficio Ambiente o attraverso i canali di comunicazione del Comune (http://ambiente.comune.castrovillari.cs.it) e della Calabra Maceri e Servizi S.p.A. (www.calabramaceri.it/castrovillari), sulla pagina Facebook o al numero 391 7388216).
L’Amministrazione Comunale desidera ringraziare tutti i cittadini per la sicura collaborazione, ed informa che coloro i quali non ritireranno il nuovo mastello non potranno partecipare al processo di premialità messo in atto dal Comune, con evidenti penalizzazioni economiche sulla propria bolletta.
Il cambiamento che ci apprestiamo a vivere rappresenta una grande sfida di civiltà che dobbiamo affrontare in maniera sinergica nel rispetto dell’ambiente e della comunità tutta.

Tariffazione puntuale

La tariffa rifiuti diventa personalizzata, cioè calcolata sul reale bisogno e utilizzo del servizio da parte degli utenti, famiglie e aziende.

La filosofia di fondo legata all’introduzione della raccolta differenziata porta a porta giunge a compimento con l’introduzione della tariffazione puntuale. L’obiettivo, infatti, è di incentivare un percorso volto alla massima differenziazione dei rifiuti in modo da ridurre al minimo la quota di rifiuto a smaltimento con conseguenti risvolti positivi non solo in tema tariffario, ma sopratutto in tema ambientale.

L’avvio della tariffazione puntuale vuole essere un passo ulteriore in questo senso, attraverso l’introduzione di una tariffazione sui rifiuti che diventa, in questo modo, personalizzata, cioè calcolata sul reale bisogno e utilizzo del servizio da parte degli utenti, famiglie e aziende.

Si tratta, quindi, di una tariffa più equa.

Come funziona. Il contenitore per il rifiuto residuo sarà un bidoncino grigio. Esso è dotato di un microchip che l’operatore leggerà ad ogni vuotatura. Il microchip funziona come un contatore abbinato al proprio codice a barre identificativo della Tari e registra il numero di volte in cui il contenitore viene vuotato. Per cui più si differenzia in modo corretto, minore sarà la quantità di rifiuto residuo.

Come si calcola la Tari per Famiglie.

La prima rata Tari 2017 sarà ancora calcolata secondo il metodo in vigore fino ad oggi e comprende: la quota fissa semestrale basuata sulla superficie dell’immobile e la quota variabile basta sula numero dei componenti il nucleo familiare. Oltre a questo l’avviso di pagamento contiene l’addizionale provinciale.

La seconda rata Tari 2018 sarà calcolata con nuovo metodo. Si comporrà di 4 parti, le prime due uguali alla precedente, più altri due nuovi elementi: una riduzione percentuale sulla quota variabile prevista dall’introduzione del sistema di calcolo puntuale; una quota variabile basata sul numero di vuotature minime previste.

All’utente verranno addebitate un numero minimo di vuotature. Se l’utente non lo supererà avrà ottenuto il massimo risparmio, in caso contrario le vuotature aggiunte verranno addebitate nella prima bolletta dell’anno successivo.

Isola Ecologica

Sicuramente produrre meno rifiuti risolve il problema alla radice! Tuttavia, la società ci indirizza verso tutt’altra direzione!!!

Un atteggiamento più “ecocompatibile” quando fai la spesa o decidi se un bene è veramente da buttare, potrebbe essere fondamentale per salvaguardare il nostro pianeta!!! O quantomeno offrirci la possibilità concreta di contribuire alla tutela dell’ambiente. Basterebbero piccoli accorgimenti per lasciare la nostra impronta ecologica:

1. La maggior parte dei rifiuti è fatta dagli imballaggi e dalle confezioni che contengono i prodotti che consumi. Quando acquisti, preferisci dunque i prodotti che non hanno imballaggi superflui, oppure compra prodotti con imballaggi riutilizzabili o riempibili.
2. Cerca di acquistare prodotti con imballaggi in materiali riciclati e/o riciclabili. Li riconosci dai marchi: CA per la carta; PE, PET, PVC, PS per la plastica; FE, ACC, ALU per i materiali in ferro, acciaio e alluminio…
3. Tra gli imballaggi riciclabili, scegli quelli realizzati con un unico materiale; se acquisti prodotti con imballaggi realizzati con più materiali, separa quanto più possibile le varie componenti prima di gettarle nei contenitori della differenziata.
4. Prima di gettare gli imballaggi, riducine il volume.
5. Non gettare imballaggi o materiali sporchi nei contenitori della differenziata: risciacqua quelli in plastica o vetro.
6. E’ necessario ridurre i rifiuti: riciclare è bene, ma produrre meno rifiuti è sicuramente meglio
7. Insegna quanto hai imparato agli altri: la corretta informazione parte anche dalla tua collaborazione.