Archivio dei tag tariffazione puntuale

Tariffazione puntuale

La tariffa rifiuti diventa personalizzata, cioè calcolata sul reale bisogno e utilizzo del servizio da parte degli utenti, famiglie e aziende.

La filosofia di fondo legata all’introduzione della raccolta differenziata porta a porta giunge a compimento con l’introduzione della tariffazione puntuale. L’obiettivo, infatti, è di incentivare un percorso volto alla massima differenziazione dei rifiuti in modo da ridurre al minimo la quota di rifiuto a smaltimento con conseguenti risvolti positivi non solo in tema tariffario, ma sopratutto in tema ambientale.

L’avvio della tariffazione puntuale vuole essere un passo ulteriore in questo senso, attraverso l’introduzione di una tariffazione sui rifiuti che diventa, in questo modo, personalizzata, cioè calcolata sul reale bisogno e utilizzo del servizio da parte degli utenti, famiglie e aziende.

Si tratta, quindi, di una tariffa più equa.

Come funziona. Il contenitore per il rifiuto residuo sarà un bidoncino grigio. Esso è dotato di un microchip che l’operatore leggerà ad ogni vuotatura. Il microchip funziona come un contatore abbinato al proprio codice a barre identificativo della Tari e registra il numero di volte in cui il contenitore viene vuotato. Per cui più si differenzia in modo corretto, minore sarà la quantità di rifiuto residuo.

Come si calcola la Tari per Famiglie.

La prima rata Tari 2017 sarà ancora calcolata secondo il metodo in vigore fino ad oggi e comprende: la quota fissa semestrale basuata sulla superficie dell’immobile e la quota variabile basta sula numero dei componenti il nucleo familiare. Oltre a questo l’avviso di pagamento contiene l’addizionale provinciale.

La seconda rata Tari 2018 sarà calcolata con nuovo metodo. Si comporrà di 4 parti, le prime due uguali alla precedente, più altri due nuovi elementi: una riduzione percentuale sulla quota variabile prevista dall’introduzione del sistema di calcolo puntuale; una quota variabile basata sul numero di vuotature minime previste.

All’utente verranno addebitate un numero minimo di vuotature. Se l’utente non lo supererà avrà ottenuto il massimo risparmio, in caso contrario le vuotature aggiunte verranno addebitate nella prima bolletta dell’anno successivo.

Raccolta differenziata. Ci si prepara alla Tariffa Puntuale, la TARIP

Il nuovo sistema di tracciabilita’ dei rifiuti e’ stato presentato questa mattina dall’Amministrazione comunale di Castrovillari nella sala Giunta, al primo piano del palazzo di citta’. Presenti per l’occasione il Sindaco, Domenico Lo Polito, l’Assessore all’Ambiente, Pasquale Pace, Maria Teresa Celebre e Salvatore Falcone in qualità di rappresentanti della ditta Calabra Maceri oltre i responsabili e dipendenti dell’Ufficio Ambiente. La principale novità che verra’ avviata nelle prossime settimane – si e’ richiamato- consistera’ nella distribuzione di un nuovo contenitore,da utilizzare per il conferimento della sola frazione secca indifferenziata (quella che si porta il lunedì sera), dotato di un microchip a radiofrequenza che l’operatore incaricato della raccolta avrà modo di leggere in maniera automatica ad ogni vuotatura. Il microchip del contenitore sarà abbinato al profilo specifico dell’ utente iscritto al ruolo TARI al momento della consegna per tenere traccia del numero di volte che avvengono gli svuotamenti e comportamenti in termini di produzione di rifiuti. Naturalmente più si differenzia, in modo corretto, minore sarà la quantità di rifiuto indifferenziato residuo che incide pesantemente sui costi di smaltimento. Su questo l’Amministrazione, con la ditta per la raccolta differenziata e l’ausilio dei propri Uffici, sviluppera’ una ferma campagna di sensibilizzazione. Gia’ il 7 Novembre presso il Centro Sociale di Cammarata sara’ messo in movimento il primo gazebo itinerante per distribuire e sottolineare-e’ stato affermato- l’importanza della partecipazione delle zone periferiche a questo nuovo processo. E al più presto, inoltre, verrà comunicato il calendario con tutti i punti di distribuzione itineranti, fermo restando che l’Info Point, attualmente ubicato presso l’ex Tribunale, verrà spostato presso Palazzo Gallo dove sarà attrezzata in maniera permanente una apposita area per il ritiro dei contenitori. L’idea guida del nuovo sistema di tracciabilità – e’ stato richiamato nella presentazione a piu’ voci- è proprio quella di responsabilizzare i cittadini portandoli a conferire meno indifferenziato con il conseguente aumento di materiale differenziato. Per l’esatezza: dopo la distribuzione dei contenitori alle circa 12.000 utenze cittadine sarà avviata la fase di sperimentazione del nuovo sistema di tracciamento del rifiuto proprio per collezionare una quantità significativa di dati al fine di implementare un sistema di tariffazione puntuale (TARIP) che sfavorisca coloro i quali non differenziano in maniera corretta, producendo molto rifiuto indifferenziato. In poche parole: all’utente verranno addebitate un numero minimo di vuotature annuali in funzione del proprio nucleo famigliare e se questi non lo supererà avrà ottenuto il massimo risparmio; in caso contrario il costo delle vuotature aggiuntive verrà addebitato nella prima bolletta dell’anno successivo. La sensibilizzazione del nuovo sistema non si esaurirà con la distribuzione dei contenitori ma continuerà, comunque, in maniera costante perché il fine ultimo è quello di far crescere la partecipazione a questa metodica, fondamentale- e’ stato dichiarato a margine della presentazione dal sindaco Lo Polito e dall’Assessore Pace- per trattare i rifiuti che, saputi “gestire”, possono rendere un Grande servigio alla collettivita’ in materia di qualita’ dei luoghi quanto di salubrita’ degli stessi oltre che di effettivo risparmio sul dovuto individuale.