Archivio dei tag tarip

Promo TARIP

Sicuramente un percorso educativo determinante per migliorare e aumentare la raccolta differenziata dei rifiuti, il riciclo; certamente un momento di sfida sociale e culturale necessario per abituare a rivedere i piccoli gesti quotidiani, per riconsiderare anche il proprio rapporto con i beni di consumo e come sceglierli al fine, inoltre di non intasare quella catena di trasmissione che tutti i Comuni stanno cercando di perseguire, finalizzata ormai sempre più a mandare meno frazione indifferenziata in discarica. E’ questo e molto altro ancora, per una qualità ambientale a servizio della persona e dei luoghi, la nuova tariffa puntuale dei rifiuti, cosiddetta TARIP, spiegata il venerdì sera del 21 giugno nella sala delle adunanze consiliari del palazzo di città di Castrovillari, grazie all’Amministrazione comunale ed al Servizio Ambiente che, con l’intero staff, gli informatori ambientali e le associazioni che sono coinvolte, rende possibile questa capacità della città di “arrendersi” pian piano a tale esigenza civica voluta dall’Ente in maniera pionieristica e responsabile, oggi anche esempio d’intrapresa, riferimento e apripista per tanti enti. Ciò è stato riconosciuto dall’Assessore Regionale all’Ambiente, Antonella Rizzo, nel suo report sulla situazione dei rifiuti oggi in Calabria che vede la nostra Regione dedita e anche preoccupata nel declinare l’importante qualità ambientale fondamentale per cittadini, territori e comunità che sono chiamati ad occuparsi per specifici ambiti territoriali ottimali (ATO) della raccolta, differenziazione, riciclo e smaltimento dei rifiuti come delle loro risorse. Proprio questa preoccupazione è stata il filo rosso del contributo-saluto del Sindaco, Domenico Lo Polito, il quale ha ricordato che la questione rifiuti è un fatto squisitamente culturale da accompagnare nelle interlocuzioni e campagne di sensibilizzazione tra la gente per far capire l’importanza di cambiare vecchie abitudini e conoscere la portata del differenziare come valore che non può realizzarsi senza il loro indispensabile coinvolgimento. Di questo e del cammino che ha svolto la città, per migliorare ed incrementare la raccolta differenziata arrivata al 69% e che oggi viene rafforzata con la tariffa puntuale per superare gli obiettivi europei, ne ha parlato diffusamente Francesco Bianchimani del Servizio Ambiente e Ciclo dei Rifiuti dell’Ente illustrando le varie tappe, a partire dal Decreto Ronchi che fece comprendere il costo per i cittadini di produrre rifiuti a tutela del bene ambiente, e come al momento si sta muovendo il servizio che ha consegnato quasi tutti i mastelli dotati di microchip per la tracciabilità e la localizzazione da usare per il conferimento della sola frazione di rifiuto secco non riciclabile (indifferenziato). Durante il suo dire una serie d’informazioni e dati oltre l’annuncio che entro l’anno ciascuna famiglia entrerà in possesso di tutte le ulteriori attrezzature e mastelli per la raccolta delle altre frazioni a cui farà da vitale cornice di supporto la prossima apertura della seconda isola ecologica molto vicina al centro urbano. L’esperienza locale è stata arricchita e comparata pure con quella portata da Lorenza Stupino, Project manager ufficio tecnico della Società Cooperativa E.R.I.C.A. che ha illustrato il lavoro del Consorzio svolto per alcuni Comuni in provincia di Cuneo dove si sta portando avanti l’azione della tariffa puntuale; Ercole D’Ippolito, responsabile DBM International, invece, ha raccontato velocemente la gestione informatizzata della tariffa attraverso i due software messi a disposizione dalla sua Azienda per la Calabra Maceri al fine di tracciare gli sversamenti nei mastelli (i secchi color grigio in dotazione alle famiglie per l’indifferenziato), e presto quello che si potrà fare presso la nuova Isola Ecologica che sarà pienamente integrata all’interno di questo programma di rilevamento delle azioni virtuose dei cittadini di cui ha fatto cenno pure Mariateresa Celebre, responsabile comunicazione e marketing di Calabra Maceri e Servizi SpA nello spiegare la disponibilità dell’Azienda di mettersi in gioco in questa nuova avventura per la migliore qualità ambientale e investire su un percorso del tutto nuovo ed unico in regione per produrre sempre meno scarti da mandare in discarica al fine di una riduzione complessiva dei costi. Gli apporti come gli interventi dal pubblico sono stati intermezzati dagli “annodi” dell’Assessore municipale all’Ambiente, Pasquale Pace, che ha moderato la full immersion tra fattori tecnici ed elementi politici “importanti entrambi -ha tenuto a sottolineare- per rispondere in maniera adeguata alle esigenze dell’esistente ed alle sfide poste dalla modernità che ci avvolge.“ Per altro, brevemente, ha rilanciato con determinazione la qualità del tipo di “allenamento” mentale, per le nostre desuete consuetudini, che introduce la nuova tariffazione puntuale, effettiva dal primo luglio per ridurre la produzione di rifiuti indifferenziati, quindi non riciclabili che devono andare necessariamente in discarica con elevati costi di smaltimento.Non a caso ad una più grande produzione corrisponde un maggiore contributo economico. Ecco qui la vera sfida civica e di cittadinanza attiva. A partire da questa preoccupazione sono state, prima approvate in consiglio comunale, e poi diffuse, in più modi, e tra poco anche con un video informativo/promozionale che scorrerà sui social, presentato a termine del convegno, le informazioni circa il numero di conferimenti in funzione dei differenti nuclei familiari superato i quali viene applicata una specifica tassazione incrementale al fine di motivare e stimolare i cittadini a migliorare la selezione differenziata dei loro rifiuti. Tutte le informazioni sono altresì reperibili sul sito web dell’ufficio ambiente (http://ambiente.comune.castrovillari.cs.it/) dove è possibile consultare anche un simulatore per calcolare la propria tariffa ed avere completa consapevolezza della determinazione e dell’impatto di tutti i costi del servizio.

 

CASTROVILLARI/TARIP. LA NUOVA TARIFFA PUNTUALE DEI RIFIUTI PER INCREMENTARE E AFFERMARE RUOLO E SIGNIFICATO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA PER UNA MIGLIORE QUALITA’ AMBIENTALE

Sicuramente un percorso educativo determinante per migliorare e aumentare la raccolta differenziata dei rifiuti, il riciclo; certamente un momento di sfida sociale e culturale necessario per abituare a rivedere i piccoli gesti quotidiani, per riconsiderare anche il proprio rapporto con i beni di consumo e come sceglierli al fine, inoltre di non intasare quella catena di trasmissione che tutti i Comuni stanno cercando di perseguire, finalizzata ormai sempre più a mandare meno frazione indifferenziata in discarica. E’ questo e molto altro ancora, per una qualità ambientale a servizio della persona e dei luoghi, la nuova tariffa puntuale dei rifiuti, cosiddetta TARIP, spiegata il venerdì sera del 21 giugno nella sala delle adunanze consiliari del palazzo di città di Castrovillari, grazie all’Amministrazione comunale ed al Servizio Ambiente che, con l’intero staff, gli informatori ambientali e le associazioni che sono coinvolte, rende possibile questa capacità della città di “arrendersi” pian piano a tale esigenza civica voluta dall’Ente in maniera pionieristica e responsabile, oggi anche esempio d’intrapresa, riferimento e apripista per tanti enti. Ciò è stato riconosciuto dall’Assessore Regionale all’Ambiente, Antonella Rizzo, nel suo report sulla situazione dei rifiuti oggi in Calabria che vede la nostra Regione dedita e anche preoccupata nel declinare l’importante qualità ambientale fondamentale per cittadini, territori e comunità che sono chiamati ad occuparsi per specifici ambiti territoriali ottimali (ATO) della raccolta, differenziazione, riciclo e smaltimento dei rifiuti come delle loro risorse. Proprio questa preoccupazione è stata il filo rosso del contributo-saluto del Sindaco, Domenico Lo Polito, il quale ha ricordato che la questione rifiuti è un fatto squisitamente culturale da accompagnare nelle interlocuzioni e campagne di sensibilizzazione tra la gente per far capire l’importanza di cambiare vecchie abitudini e conoscere la portata del differenziare come valore che non può realizzarsi senza il loro indispensabile coinvolgimento. Di questo e del cammino che ha svolto la città, per migliorare ed incrementare la raccolta differenziata arrivata al 69% e che oggi viene rafforzata con la tariffa puntuale per superare gli obiettivi europei, ne ha parlato diffusamente Francesco Bianchimani del Servizio Ambiente e Ciclo dei Rifiuti dell’Ente illustrando le varie tappe, a partire dal Decreto Ronchi che fece comprendere il costo per i cittadini di produrre rifiuti a tutela del bene ambiente, e come al momento si sta muovendo il servizio che ha consegnato quasi tutti i mastelli dotati di microchip per la tracciabilità e la localizzazione da usare per il conferimento della sola frazione di rifiuto secco non riciclabile (indifferenziato). Durante il suo dire una serie d’informazioni e dati oltre l’annuncio che entro l’anno ciascuna famiglia entrerà in possesso di tutte le ulteriori attrezzature e mastelli per la raccolta delle altre frazioni a cui farà da vitale cornice di supporto la prossima apertura della seconda isola ecologica molto vicina al centro urbano. L’esperienza locale è stata arricchita e comparata pure con quella portata da Lorenza Stupino, Project manager ufficio tecnico della Società Cooperativa E.R.I.C.A. che ha illustrato il lavoro del Consorzio svolto per alcuni Comuni in provincia di Cuneo dove si sta portando avanti l’azione della tariffa puntuale; Ercole D’Ippolito, responsabile DBM International, invece, ha raccontato velocemente la gestione informatizzata della tariffa attraverso i due software messi a disposizione dalla sua Azienda per la Calabra Maceri al fine di tracciare gli sversamenti nei mastelli (i secchi color grigio in dotazione alle famiglie per l’indifferenziato), e presto quello che si potrà fare presso la nuova Isola Ecologica che sarà pienamente integrata all’interno di questo programma di rilevamento delle azioni virtuose dei cittadini di cui ha fatto cenno pure Mariateresa Celebre, responsabile comunicazione e marketing di Calabra Maceri e Servizi SpA nello spiegare la disponibilità dell’Azienda di mettersi in gioco in questa nuova avventura per la migliore qualità ambientale e investire su un percorso del tutto nuovo ed unico in regione per produrre sempre meno scarti da mandare in discarica al fine di una riduzione complessiva dei costi. Gli apporti come gli interventi dal pubblico sono stati intermezzati dagli “annodi” dell’Assessore municipale all’Ambiente, Pasquale Pace, che ha moderato la full immersion tra fattori tecnici ed elementi politici “importanti entrambi -ha tenuto a sottolineare- per rispondere in maniera adeguata alle esigenze dell’esistente ed alle sfide poste dalla modernità che ci avvolge.“ Per altro, brevemente, ha rilanciato con determinazione la qualità del tipo di “allenamento” mentale, per le nostre desuete consuetudini, che introduce la nuova tariffazione puntuale, effettiva dal primo luglio per ridurre la produzione di rifiuti indifferenziati, quindi non riciclabili che devono andare necessariamente in discarica con elevati costi di smaltimento.
Non a caso ad una più grande produzione corrisponde un maggiore contributo economico. Ecco qui la vera sfida civica e di cittadinanza attiva. A partire da questa preoccupazione sono state, prima approvate in consiglio comunale, e poi diffuse, in più modi, e tra poco anche con un video informativo/promozionale che scorrerà sui social, presentato a termine del convegno, le informazioni circa il numero di conferimenti in funzione dei differenti nuclei familiari superato i quali viene applicata una specifica tassazione incrementale al fine di motivare e stimolare i cittadini a migliorare la selezione differenziata dei loro rifiuti. Tutte le informazioni sono altresì reperibili sul sito web dell’ufficio ambiente (http://ambiente.comune.castrovillari.cs.it/) dove è possibile consultare anche un simulatore per calcolare la propria tariffa ed avere completa consapevolezza della determinazione e dell’impatto di tutti i costi del servizio.

Raccolta differenziata. Ci si prepara alla Tariffa Puntuale, la TARIP

Il nuovo sistema di tracciabilita’ dei rifiuti e’ stato presentato questa mattina dall’Amministrazione comunale di Castrovillari nella sala Giunta, al primo piano del palazzo di citta’. Presenti per l’occasione il Sindaco, Domenico Lo Polito, l’Assessore all’Ambiente, Pasquale Pace, Maria Teresa Celebre e Salvatore Falcone in qualità di rappresentanti della ditta Calabra Maceri oltre i responsabili e dipendenti dell’Ufficio Ambiente. La principale novità che verra’ avviata nelle prossime settimane – si e’ richiamato- consistera’ nella distribuzione di un nuovo contenitore,da utilizzare per il conferimento della sola frazione secca indifferenziata (quella che si porta il lunedì sera), dotato di un microchip a radiofrequenza che l’operatore incaricato della raccolta avrà modo di leggere in maniera automatica ad ogni vuotatura. Il microchip del contenitore sarà abbinato al profilo specifico dell’ utente iscritto al ruolo TARI al momento della consegna per tenere traccia del numero di volte che avvengono gli svuotamenti e comportamenti in termini di produzione di rifiuti. Naturalmente più si differenzia, in modo corretto, minore sarà la quantità di rifiuto indifferenziato residuo che incide pesantemente sui costi di smaltimento. Su questo l’Amministrazione, con la ditta per la raccolta differenziata e l’ausilio dei propri Uffici, sviluppera’ una ferma campagna di sensibilizzazione. Gia’ il 7 Novembre presso il Centro Sociale di Cammarata sara’ messo in movimento il primo gazebo itinerante per distribuire e sottolineare-e’ stato affermato- l’importanza della partecipazione delle zone periferiche a questo nuovo processo. E al più presto, inoltre, verrà comunicato il calendario con tutti i punti di distribuzione itineranti, fermo restando che l’Info Point, attualmente ubicato presso l’ex Tribunale, verrà spostato presso Palazzo Gallo dove sarà attrezzata in maniera permanente una apposita area per il ritiro dei contenitori. L’idea guida del nuovo sistema di tracciabilità – e’ stato richiamato nella presentazione a piu’ voci- è proprio quella di responsabilizzare i cittadini portandoli a conferire meno indifferenziato con il conseguente aumento di materiale differenziato. Per l’esatezza: dopo la distribuzione dei contenitori alle circa 12.000 utenze cittadine sarà avviata la fase di sperimentazione del nuovo sistema di tracciamento del rifiuto proprio per collezionare una quantità significativa di dati al fine di implementare un sistema di tariffazione puntuale (TARIP) che sfavorisca coloro i quali non differenziano in maniera corretta, producendo molto rifiuto indifferenziato. In poche parole: all’utente verranno addebitate un numero minimo di vuotature annuali in funzione del proprio nucleo famigliare e se questi non lo supererà avrà ottenuto il massimo risparmio; in caso contrario il costo delle vuotature aggiuntive verrà addebitato nella prima bolletta dell’anno successivo. La sensibilizzazione del nuovo sistema non si esaurirà con la distribuzione dei contenitori ma continuerà, comunque, in maniera costante perché il fine ultimo è quello di far crescere la partecipazione a questa metodica, fondamentale- e’ stato dichiarato a margine della presentazione dal sindaco Lo Polito e dall’Assessore Pace- per trattare i rifiuti che, saputi “gestire”, possono rendere un Grande servigio alla collettivita’ in materia di qualita’ dei luoghi quanto di salubrita’ degli stessi oltre che di effettivo risparmio sul dovuto individuale.